Archivi categoria: Liguria

Dove mangiare in Liguria

Dopo aver trascorso la stagione estiva nella riviera di Ponente, abbiamo stilato la lista dei nostri posti del cuore, per tutti i gusti e per tutte le tasche. Se siete alla ricerca di dove mangiare in Liguria, e non dei classici ristoranti e locali per turisti, ma di quelli amati dalle persone del posto, prendete carta e penna!

Pasticceria Biondi
Nel cuore di Loano, in Via Ghilini, si trova la Pasticceria Biondi: un nome una garanzia. È ormai la nostra tappa obbligatoria per le colazioni della domenica, con brioches fresche di pasticceria, farcite di cioccolato, crema, marmellata o pistacchio, paste fresche o biscotti secchi: insomma, ce n’è per tutti i gusti.
Enrico, il mitico pasticcere, ha inoltre iniziato la produzione dei maritozzi: il tipico dolce romano ripieno di panna con una piccola aggiunta di crema, una rarità in Liguria.
Da non perdere in estate il loro marocchino freddo.

Ristorante U Titti

Siamo in zona Imperia Ovest, e nello specifico a Linguaglietta, piccolo borgo sulle alture dell’Imperiese. Se il nome non vi è nuovo è perché il ristorante ha partecipato in passato a “Quattro Ristoranti” con Alessandro Borghese. Si può scegliete tra il menù alla carta o il menù degustazione, con quattro diverse proposte.
Abbiamo optato per il menù degustazione da 6 portate. Siamo stati accolti da un piccolo benvenuto dello chef: una delizia sia per gli occhi che per il palato. Abbiamo quindi iniziato con i calamari con trombette alle 5 consistenze, per poi continuare con la palamita accompagnata da salsine. Semplicemente sublime il coniglio con boragine. Abbiamo proseguito con dei bottoni con gamberi, zenzero e lime.
Delizioso il dolce, “banana matura”.

Bagni Liliana
Varigotti, la perla del Ponente ligure, un piccolo borgo che vi lascerà a bocca aperta.
I Bagni Liliana sono una tappa obbligatoria sia per una cena romantica in riva al mare che una serata più tranquilla nel loro dehor.
Il menù cambia periodicamente, tenendo saldi i loro cavalli di battaglia: spaghetti alle vongole veraci con bottarga e il classico fritto misto. L’antipasto dello chef è sempre a base di prodotti tipici della Liguria: noi abbiamo assaporato la classica panizza. Da non perdere l’antipasto con crudo di pesce, nello specifico gamberi e verduri croccanti. Ottimi gli spaghetti alle vongole, ma anche i paccheri e gli gnocchetti con scaglie di mandorle e pescato del giorno.

Da Scola
Ristorante Scola è una certezza: il locale è molto accogliente, con un camino all’ingresso a dare il benvenuto. Il menu è ricco e, se sarete fortunati, avrete la possibilità di degustare piatti a base di tartufo bianco o funghi porcini. 
Vi è la possibilità di scegliere tra i menù degustazione o il menù alla carta. Ampia è anche la scelta nella carta dei vini. Clicca QUI per leggere il nostro articolo.

Bistrot Valente
Di recente apertura, il “Bistrot Valente” si trova sulla strada che porta a Finalborgo, borgo storico medievale meta di bikers e appassionati di trekking. È stata una piacevole scoperta e sicuramente il miglior posto per hamburger nella zona. Il menù presenta una selezione di Hamburger, dai più classici a quelli più ricercati che rientrano poi nelle proposte del giorno. Amanti come siamo del bacon cheeseburger abbiamo optato per il Classicone: superlativo! Se siete di passaggio in zona, è perfetto anche per un aperitivo o un dopo cena con una selezione di gin e cocktails.

L’estate non è finita: seguiteci per scoprire dove mangiare in Liguria se foste di passaggio nel Ponente Ligure.

Gita fuori porta a Calizzano


Gita fuori porta a Calizzano
| Blog Viaggi Insoliti |

Siamo in Liguria e quindi abbiamo deciso di organizzare una gita fuori porta a Calizzano. Per chi non lo conoscesse, Calizzano è un piccolo comune dell’entroterra ligure, delizioso in inverno poiché, data l’altitudine e le nevicate frequenti, l’atmosfera sembra sempre quella tipica del Natale. In estate poi diventa un’ottima destinazione per chi vuole fuggire dal caldo e dalla folla dei turisti al mare. Il borgo è molto caratteristico, con il suo carruggio che rappresenta il centro del paese.

Il nostro posto preferito? Da ‘Msé Tutta, una piccola osteria proprio nel carruggio di Calizzano. Se volete andare di domenica, vi suggeriamo di prenotare con anticipo: i pranzi della domenica vanno a ruba, ed è per questo che abbiamo deciso di andarci di sabato. Nel weekend, sabato e domenica, è possibile scegliere tra il menù à la carte o la degustazione, che riassume in quantità ridotte i piatti presentati nel menù classico, mentre durante la settimana non è prevista la degustazione.

Ovviamente, incuriositi da tutti i piatti ma non potendoli ordinare tutti, abbiamo deciso di fare un viaggio culinario con il menù degustazione.
Pronti partenza e via con gli antipasti! Per prima cosa ci hanno portato il classico antipasto offerto dalla casa: una fettina di torta salata con la zucca, per stimolare le nostre papille gustative. Poi il vero tour degli antipasti: per primo vitello con salsa tonnata e lingua con salsa verde. Non siamo amanti della lingua, ma il vitello tonnato era super! Quindi “orto d’inverno con salsa alla toma: due tortini soufflé, di cui uno al cavolfiore con crema di toma. Abbiamo proseguito con un carpaccio di baccalà tiepido, carciofi e aioli: la sapidità del baccalà combacia perfettamente col carciofo crudo. È stato poi il turno della passatine di cipolle, pan barbariò (abbiamo chiesto, è pane di segale) e porcini secchi.

Quindi siamo passati ai primi: semplicemente deliziosa la polenta dei tecci con la toma. La toma è di produttori locali, “Benedetti” di Upega, ai quali i nostri amici di ‘Mse Tutta si affidano spesso. Data la bontà dei formaggi sarà nostra premura andarli presto a visitare e, ovviamente, fare scorta di formaggi! Il secondo primo è stato un piatto di raviolini minion alla maggiorana. Il secondo richiama immediatamente la tradizione ligure: ovvero il tradizionale coniglio ripieno, su un letto di patate al latte.

Per quanto riguarda il dolce, è possibile scegliere tra quelli proposti nel menù: abbiamo scelto una torta al cioccolato con ricotta e frutto della passione.
E poi, per finire, gli amanti della moka saranno felici del caffè!
Il prezzo del menù degustazione è di 35 euro a persona.

Vi parleremo presto di nuovo di Calizzano, ci sono ancora tante cose da scoprire da queste parti.
Alla prossima avventura del Blog Viaggi Insoliti!

Ristorante Scola, Castelbianco


Ristorante Scola, Castelbianco
| Blog Viaggi Insoliti |

In questo inizio di autunno, quando il sole lascia spazio alla malinconia di giornate uggiose e piovose, ci siamo addentrati nell’entroterra ligure, alla ricerca di un ristorante che rimarcasse al meglio la stagione.
La nostra scelta è ricaduta sul Ristorante Scola a Castelbianco, in provincia di Savona.
Il locale è molto accogliente, con un camino all’ingresso a dare il benvenuto.

Il menu è ricco e, se sarete fortunati, avrete la possibilità di degustare piatti a base di tartufo bianco o funghi porcini.
Vi è la possibilità di scegliere tra i menù degustazione o il menù alla carta. Ampia è anche la scelta nella carta dei vini.

Abbiamo voluto provare due antipasti e due primi, affidandoci al sommelier per l’abbinamento dei vini.
Per gli antipasti abbiamo optato per uno a base di foie gras e uno a base di astice, zucchine trombetta e mela verde. Il tutto è stato accompagnato da un calice di prosecco e prima di iniziare ci è stato offerto un pre antipasto di finger food: semplicemente deliziosi.

Abbiamo continuato con due primi piatti: bottoni di melanzane in brodo di triglia e spaghettoni con gamberi viola di Albenga e peperoni, accompagnati da un vino dal sapore vero, vivace e intenso: l’Etna Rosso della Cantina Graci.

Un’idea che ci contraddistingue e ci accomuna è che il dolce giochi un ruolo fondamentale tra le varie portate del menù. Un pasto per noi è completo e di successo soprattutto per la proposta dei dolci.
Stavolta abbiamo scelto il dessert ai tre cioccolati e abbiamo concluso con un’idea nuova e giocosa, “pane, burro e marmellata” cioè la possibilità di prepararsi da soli al proprio tavolo questo classico spuntino, avendo a disposizione deliziosi bottoncini di pan brioches e marmellate dalle diverse consistenze e sapori, con l’aggiunta di una crema di burro vanigliata.

Se siete di passaggio a Castelbianco o nella Riviera di Ponente, il Ristorante Scola è senza dubbio una tappa obbligatoria!
Alla prossima avventura del Blog Viaggi Insoliti!

Loano – Riviera delle Palme


Loano – Riviera delle Palme
| Blog Viaggi Insoliti |

La Liguria, questa piccola gemma incastonata tra verdi montagne e mare blu, nota ai più per le sue prelibatezze culinarie come il pesto o la focaccia (non dite mai pizza bianca da queste parti perché sono suscettibili).

Sfatiamo un falso mito: la Liguria non è solo mare. Bikers, appassionati di montagna e, ovviamente, amanti del mare troveranno il loro modo per godere appieno di una vacanza in Riviera.

Per gli amanti di tutto questo, non fatevi mancare una tappa a Loano nella Riviera delle Palme: la sua lunga passeggiata vi permetterà di godervi il mare a 360 gradi! Da qui è possibile ammirare un tramonto mozzafiato! Un MUST per gli aperitivi e’ Shardana: enoteca con vista sul porto, rimarrete sorpresi dalle varietà di vino.

Ma parliamo della cosa che ci sta più a cuore: il cibo!
Se siete alla ricerca della vera focaccia ligure, perdetevi nel caruggio di Loano alla ricerca del “Fornetto” quello dei tre scalini: non fatevi abbattere dalla coda e dall’attesa: una volta addentata la focaccia, sarete d’accordo con noi che ne e’ valsa la pena!


Da non perdere la farinata, specialità ligure a base di farina di ceci: potrete scegliere tra la classica, quella alle cipolle, al gorgonzola o alla salsiccia! Un piccolo segreto: provate quella di Puppo ad Albenga, e’ semplicemente fantastica ed è disponibile anche da asporto.


I piu golosi non rinunceranno certo al dolce. Tappa fissa alla pasticceria Biondi, per un caffettino accompagnato da un bacio di Loano! Sedetevi ai loro tavoli e godete del semplice scorrere del tempo e della vita del carruggio di Loano.


Piccolo promemoria: siete sempre in Liguria, quindi, non spaventatevi in caso di assenza di sorrisi! 😀

Un posto decisamente da non perdere e in cui soggiornare a Loano e’ il Residence I Cormorani: resort a pochi passi dal mare dove potrete rilassarvi a bordo piscina staccando la spina dalla realtà in questo angolo di paradiso!

Un piccolo extra, se siete da queste parti, vale la pena di visitare Finalborgo: uno dei borghi più belli d’Italia, un gioiello a pochi passi dal mare che incanta con la sua atmosfera di altri tempi. Una volta oltrepassate le mura della città perdetevi tra le varie viuzze e fatevi guidare dal vostro istinto!
Alla prossima avventura del Blog Viaggi Insoliti!

Ponte di Nava – Da Beppe


Ponte di Nava – Da Beppe
| Blog Viaggi Insoliti |

Vale una visita, se vi trovate dalle parti di Savona o di Ormea il piccolo paese di Ponte di Nava, che è, appunto, un ponte sul fiume Tanaro, tra Liguria e Piemonte e un ristorante di un albergo che esiste dal 1869 .
Il ristorante e’ conosciuto come “Da Beppe” e può regalarvi degli ottimi piatti e la migliore frescura di montagna anche in pieno agosto.
Ottima cantina dei vini, soprattutto locali, vi consigliamo l’Ormeasco Riserva della Cascina Nirasca.
Piatti forti sono gli antipasti che spaziano dal vitello tonnato alle polpettine di parmigiano, vietato non assaggiarle!! Il nostro piatto preferito sono gli gnocchetti al raschera, un formaggio DOP Piemontese.
I racconti del titolare sono avvincenti, il servizio a tavola rasenta la perfezione e nel caso vi fermaste anche a dormire, la colazione è ottima soprattutto grazie a degli splendidi cornetti!

Alla prossima avventura del Blog Viaggi Insoliti!

Mendatica


Mendatica
| Blog Viaggi Insoliti |

Il vantaggio innegabile della Liguria e’ di trovarsi in mezzo tra mare e montagna. Oggi vi parliamo di un bel sentiero escursionistico, alla portata di tutti che parte da Mendatica.
Un piccolo comune in provincia di Imperia che ha deciso di rilanciarsi decisamente con l’outdoor con una bella chiesa barocca nel punto più alto del paese. Noi abbiamo deciso di affrontare il sentiero che porta alle Cascate del fiume Arroscia.
Si parte dalla Chiesa, si scende e subito si trova un ufficio informazioni, aperto anche di domenica, accogliente e ricco di mappe e consigli per la vostra giornata all’aperto, prima tappa immancabile.
Poco dopo si gira a destra e si inizia un sentiero boschivo che dopo qualche salita vi condurrà alle meravigliose Cascate dell’Arroscia.

I sentieri sono ben indicati e mantenuti e seguendoli è possibile visitare anche i paesi abbandonati di Case Pian del Lago e di Poilarocca per fare ritorno al punto di partenza.

Un piccolo consiglio aggiuntivo, se siete in Liguria e avete voglia di esplorare, non perdetevi le Grotte di Toirano, vi stupiranno! 😉
Noi ci vediamo alla prossima avventura del Blog Viaggi Insoliti!

Finalborgo


Finalborgo
| Blog Viaggi Insoliti |

I piccoli borghi hanno sempre un non so che di molto affascinante: l’atmosfera che si respira ti trasporta immediatamente in un mondo incantato, dove dame e cavalieri sono i protagonisti principali.
Così ci sentiamo noi, ogni volta che visitiamo Finalborgo, una piccola perla nel cuore della Liguria e uno dei “Borghi più belli d’Italia”.

Camminando nel centro storico di questo piccolo paese all’interno di mura medioevali, vedrete; la chiesa di San Biagio, ricchissima all’interno ma incompiuta all’esterno e cercando tra le caratteristiche stradine troverete anche il palazzo del Municipio e il palazzo del Tribunale.

Per gli appassionati di sport sarà un piacere scoprire che Finalborgo è ricca di sentieri e percorsi fuoristrada da percorrere a piedi ed in mountain bike e infatti vedrete veramente tante biciclette! E se siete appassionati di outdoor avrete a disposizione numerosi negozi di articoli tecnici, veramente ben forniti.

Ovviamente vi diamo anche qualche consiglio su dove fermarvi a mangiare. Da non perdere la farinata: piatto tradizionale della cucina ligure, a base di farina di ceci. Un piatto semplice ma da leccarsi i baffi!

Per un aperitivo imperdibile c’é Tia Pepa che fornisce un’ampia scelta di birre e piatti molto sfiziosi. E’ possibile sedersi all’esterno usando delle grandi botti come tavolo.

Per gli amanti della carne impossibile non fare tappa da Quarto di Bue: locale gestito da ragazzi in un’atmosfera molto amichevole con tavoli sia all’interno che all’esterno. Da non perdere il dolce al cucchiaio presentato nell’arbanella!
Ci vediamo alla prossima avventura del Blog Viaggi Insoliti!