Relais San Maurizio Langhe


Relais San Maurizio Langhe
| Blog Viaggi Insoliti |

Colline che rigenerano l’anima e il corpo! La destinazione questa volta sono le Langhe. Territorio piemontese ricco di vigneti e noccioleti per un viaggio all’insegna del buon cibo ma soprattutto del buon vino.
La vista di queste colline vi ricaricherà l’anima e per aiutare anche il corpo a rigenerarsi vi consigliamo di scegliere, per il soggiorno, il Relais San Maurizio nelle Langhe con le sue intriganti vasche saline.

Partendo dalla Liguria potete impostare come destinazione del vostro navigatore Santo Stefano Belbo: il paese è bello, con la sua piazza, i bar con i tavolini all’aperto e le mille attività che si organizzano quasi in tutti i fine settimana.
Arrivando, non potrete fare a meno di vedere, ai lati della strada, le numerose cantine che producono il prodotto che rende famosa questa zona d’Italia e cioè il vino, principalmente il Moscato D’asti.

Al Relais San Maurizio ci siamo subito resi conto di aver trovato una vera gemma. Questo convento del 1619, restaurato e riconvertito in struttura ricettiva, è il perfetto mix tra antico e moderno. Alcuni tratti in vetro e acciaio, come il bar e la fumeria o il bistrot, ben si integrano con muri antichi, dipinti e oggetti d’epoca.
Il vero tesoro di questo Relais è la SPA, situata nel piano più basso dell’edificio, alla quale si può comodamente accedere in ascensore dalla propria camera. Da non perdere la grotta del sale: un’ atmosfera unica con vasche di acqua calda salata che garantiscono lo stesso effetto delle acque del Mar Morto.

Dopo una giornata di relax ci siamo recati a Neive, paesino a pochi km di distanza dal Relais, per l’ora dell’aperitivo. Il nostro istinto ci ha guidati in un piccola enoteca, Al nido della Cinciallegra, gestito da un gruppo di ragazzi molto disponibili ad indirizzarci nella scoperta e nella scelta del vino, in base alle nostre preferenze. Nel caso capitaste in zona, affidatevi a loro!
Dopo una bottiglia di rosso Capisme-e di Domenico Clerico, abbiamo deciso di organizzare una visita alla loro cantina. Siamo stati accolti da una vista fantastica sui vigneti che si può godere dalla terrazza panoramica dell’azienda. Il ragazzo che ci ha accolto, spiegate le diverse tipologie di terre, ci ha portato a visitare più da vicino il processo di produzione del vino, spiegando nel dettaglio tutte le varie fasi che lo caratterizzano. Esperienza unica che si è poi conclusa con una degustazione di vino: Arte, Ciabot Mentin, Pajana e Per Cristina. Semplicemente divini!
Da qui provate a visitare la deliziosa Monforte D’Alba, distante solo 2 km dall’azienda Domenico Clerico.

Per gli amanti delle nocciole, altro prodotto caratteristico delle Langhe, è d’obbligo una tappa presso l’Azienda Agricola Papa dei Boschi: utilizzando esclusivamente il raccolto della loro produzione producono, tra le altre cose, una deliziosa crema di nocciole!

Sulla strada del ritorno verso la Liguria, se sarete fortunati riuscirete a trovare un negozio di prodotti tipici che si chiama “La Massara” e lì non potrete fare a meno di provare il formaggio Murazzano, tipico di questa zona, e mille altri formaggi di latte di capra e pecora, consigliamo sopratutto i formaggi poco stagionati.

Nel caso vi perdeste tra i vigneti, scriveteci e vi aiuteremo a trovare la via di fuga… verso i formaggi! Ci leggiamo presto, sul Blog Viaggi Insoliti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *